Free Wheels: ecco il nostro 2023...

Free Wheels: ecco il nostro 2023…

Pubblicato il
Lettura 4 min.

Ogni volta che un anno inizia quasi non si è nemmeno fatto in tempo a riprendersi delle fatiche fatte per chiudere il precedente: dalle corse per far sì di non lasciarsi indietro strascichi di attività iniziate molto lontano, unite a quelle per gli auguri delle festività, nonché per predisporre l’inizio del nuovo “con il piede giusto”. Tutto ciò quasi dimenticando i grandi risultati raggiunti insieme nel tempo. E invece è imprescindibile e fondamentale, proprio per le energie messe in campo delle tante persone che ci hanno lavorato (e alle quali vanno i nostri più sinceri e sconfinati ringraziamenti), ricordare quanta bella e tanta strada fatta insieme.

Molte delle attività a cui siamo stati presenti o abbiamo realizzato le conoscete: pensiamo a Klick’s on ways che ha già potuto portare a casa due edizioni e a Camminare Oltre, per i quali è stato scritto di tutto e di più e per la cui realizzazione non si conta la gratitudine che desideriamo esprimere ancora una volta a tutti coloro che lo hanno reso possibile, raccontato, vissuto animando i due progetti. Ma altresì abbiamo presenziato, partecipato o partecipato all’organizzazione di tantissimi altri momenti di crescita e ci piace raccontarveli enumerandoveli velocemente.

  • Abbiamo partecipato a fiere e festival:
    • Fa’ la cosa giusta a Milano
    • Fiera dei Territori a Bergamo
    • Festival Confluenze a Trento
  • Siamo intervenuti nei seminari:
    • “Accessibilità digitale” organizzato da AccessiWay di Torino
    • “Accessibilità in Cammino” organizzato da Terre dei borghi verdi in Umbria
  • Abbiamo sviluppato progetti di accessibilità con:
    • Cammino di San Colombano di Vaprio d’Adda
    • GAL del Lago di Como
    • Direzione Nazionale del CAI
  • Abbiamo organizzato:
    • Klick’s on ways, un Cammino rivolto a persona a mobilità ridotta e non attraverso il Veneto che comprendeva:
      • Viaggio-evento da Negrar di Valpolicella a Motta di Livenza
      • Incontri in diverse unità spinali portando la nostra esperienza presso l’ Ospedale Don Calabria di Negrar di Valpolicella (VR), l’Ospedale San Bortolo di Vicenza e l’Ospedale O.R.A.S. di Motta di Livenza (TV)
    • Camminare oltre, un’esperienza di trekking per tutti alle dighe di Cancano e in Val Viola in collaborazione con l’associazione NoisyVision onlus
  • Abbiamo portato la nostra esperienza attraverso i media in tutta Italia:
    • 187 articoli sui giornali
    • 7 interviste radio
    • 12 interviste TV, tra cui tre su Rai e una su Sky
  • Abbiamo costruito diverse esperienze di Cammino aperte a tutti che ci hanno permesso di coinvolgere oltre 1500 persone
  • Siamo stati invitati:
    • agli “Stati Generali sul Turismo Sostenibile” a Pavia
    • all’Assemblea Generale dell’Associazione Europea delle Vie Francigene a Pavia
  • Abbiamo presentato le nostre attività in:
    • 11 associazioni
    • 14 eventi pubblici
    • 8 Istituiti d’istruzione pubblica e privata
  • Abbiamo iniziato la mappatura del Territorio di Somma Lombardo (VA) con la nostra PWA:
    • Abbiamo migliorato la PWA grazie alla collaborazione con professionisti nel campo della progettazione degli itinerari

Come anticipato, su alcuni progetti è stao scritto tantissimo e all’interno del nostro blog dove in diversi dell’associazione hanno scritto (non possiamo esimerci dal ringraziare Daniela De Sanctis e Emanuele Cibin per i contributi di questo anno in chiusura), ma di altri magari sapete poco. Per questo a seguire ne citiamo solo alcuni dove in poche righe ci piace condividere con voi cosa ha rappresentato per noi esserci:

  • Partecipazione agli eventi di altri: sebbene gli anni di esperienza e di presenza sul campo di Free Wheels siano idiscutibili, questi sono piazze dove faccciamo conoscere sempre di più le nostre attività e stringiamo collaborazioni propedeutiche ad altri eventi. Una di queste è quella con Cammini d’Italia alla Fiera dei territori di Bergamo dove abbiamo posato le basi per condividere un progetto del 2024
  • Entrare nelle Unità Spinali: sarebbe riduttivo pensare cheil nostro passaggio da questi centri riabilitativi d’eccellenza avesse il solo fine di raccontare loro la nostra esperienza di viaggio. Bensì è sempre stata l’occasione per ispirare e offrire alle persone attualmente in recupero l’opportunità di partecipare ai nostri eventi itineranti e all’attività dell’associazione sempre più in evoluzione
  • Conferenze istituzionali: nonostante alle volte possano sembrare una carellata politica, in realtà è l’occasione migliore per seminare una nuova cultura dell’accessibilità e per far si che sempre più Cammini si aprano a un pubblico più vasto. Esattamente quello che è successo per esempio a Pavia, dopo il quale – presto o tardi – potremmo vedere la nascita di nuovi itinerari fruibili da tutti, con annesse pubblicazioni editoriali che ve li raccontano. E questo, ovviamente, con una nostra partecipazione in prima fila

E per questo che è fondamentale per noi ringraziare profondamente tutti coloro che hanno reso possibile tutto ciò, grazie alle loro donazioni ma soprattutto grazie al tempo che hanno messo a disposizione per una o l’altra attività. E il tempo a noi dedicato è il bene più prezioso che ognuno di voi possa donarci.